La Hayabusa Web Edition sold out in un solo weekend.

In appena un fine settimana i 10 esemplari previsti per la versione di lancio a tiratura limitata della nuova Hayabusa sono andati tutti esauriti.

Il pubblico italiano ha riservato un’accoglienza molto calorosa alla nuova Suzuki Hayabusa, svelata dalla Casa di Hamamatsu lo scorso venerdì 5 febbraio. Suzuki in Italia ha lanciato contestualmente una versione Web Edition super accessoriata, in tiratura limitata di solo 10 esemplari, prenotabile solo sul web store di Suzuki che, nel giro di poche ore, è andata esaurita. La corsa per aggiudicarsi la Hayabusa è stata velocissima. Tre moto risultavano già vendute nella mattinata, al termine della presentazione. Altre tre sono state assegnate nel pomeriggio di venerdì, mentre il sold out definitivo è avvenuto tra sabato e domenica.

Via alle vendite
Da oggi la moto può essere acquistata presso la rete dei concessionari Suzuki o prenotata sullo Smart Buy. La Hayabusa commercializzata per il mercato italiano è equipaggiata di serie con la cover monoposto e le cover degli specchietti carbon look.

Due le colorazioni previste per l’Italia: l’elegante abbinamento Nero/Gold, che riporta alla memoria la più celebre veste cromatica della prima Hayabusa, e la fresca livrea Silver/Rosso.

La Hayabusa vanta uno tra i migliori Cx mai registrati per una moto di serie, permettendole di essere stabile anche quando si viaggia alla velocità massima autolimitata: 299 km/h.

Il motore
Se la nuova Hayabusa è capace di raggiungere con disinvoltura simili velocità è soprattutto per merito dell’esuberanza del motore. Gli ingegneri di Hamamatsu hanno sviluppato il leggendario quattro cilindri da 1.340 cc, dotandolo di pistoni più leggeri e di nuove bielle più robuste, modificando il profilo degli alberi a camme e riprogettando molti componenti chiave a livello di distribuzione, lubrificazione e trasmissione. La potenza massima è ora di 140 kW (190 cv) a 9.700 giri, mentre la coppia massima di 150 Nm a 7.000 giri. Rispetto alla precedente generazione, la curva di erogazione ha un andamento più favorevole e la coppia erogata è superiore, considerato l’intero intervallo di giri.

Rinascimento tecnologico
Al di là delle incredibili prestazioni assolute, questa Suzuki sorprende per il modo in cui rende facile da gestire e godibile il suo straordinario potenziale. Ciò è possibile grazie prima di tutto alla meticolosa messa a punto dell’assetto e ad un bilanciamento perfetto, con una distribuzione dei pesi 50:50 tra i due assi. Il telaio a doppia trave e il forcellone sono in alluminio, così come il telaietto reggisella. Nel quadro della ciclistica spiccano componenti di pregio quali le sospensioni KYB completamente regolabili, le pinze freno anteriori Brembo Stylema® a quattro pistoncini accoppiate a dischi da 320 mm e i nuovi cerchi a sette razze, con pneumatici Battlax Hypersport S22 sviluppati ad hoc per la Hayabusa.
La Hayabusa monta una piattaforma inerziale a sei assi e i più avanzati sistemi elettronici di supporto al pilota. Attraverso il Suzuki Drive Mode Selector Alpha (SDMS-α) questi può scegliere tra tre modalità di guida pre-impostate dalla fabbrica e altre tre personalizzabili a piacimento. Ognuna di queste modalità varia automaticamente la logica di funzionamento di cinque sistemi:

– Traction Control (Motion Track Traction Control System – 10 livelli + off)

– Funzione “Gestiscilapotenza” (Power Mode Selector – 3 livelli)

– Sistema “Cambiarapido” bidirezionale (Bidirectional Quick Shift System – 2 livelli + off)

– Sistema “Giùlaruota” anti impennata (Anti Lift Control System – 10 livelli + off)

– Sistema “Frenomotore” (Engine Brake Control System – 3 livelli + off)

La Suzuki Hayabusa è poi la prima moto a essere dotata del limitatore di velocità di serie. Il sistema “Fissaillimite” (Active Speed Limiter) permette al pilota di impostare con un semplice gesto una velocità limite che la moto non supererà, eliminando il rischio che ci si trovi a viaggiare distrattamente a velocità superiori a quelle desiderate.

La Hayabusa comprende anche il Cruise Control System e i sistemi “Partiarazzo” (Launch Control System – 3 livelli), “Segnalainchiodata” (Emergency Stop Signal), “Frenainpiega” (Motion Track Brake System – 2 livelli), “Discesanostoppie” (Slope Dependent Control System) e “Spuntofacile” (Hill Hold Control System). Il pilota può gestire i vari dispositivi agendo sul blocchetto elettrico sinistro e verificare poi le impostazioni selezionate sullo schermo TFT LCD posto al centro della strumentazione. Attraverso l’Active Data display può visualizzare inoltre l’angolo di piega raggiunto, la pressione esercitata sui freni, l’accelerazione longitudinale e il grado di apertura dell’acceleratore.

Listino al pubblico
La nuova Hayabusa arriverà nel mese di marzo ma sarà già possibile ordinarla presso i concessionari della rete ufficiale Suzuki o prenotarla sullo Smart Buy al prezzo di listino di 19.390 Euro e, in Italia, sarà disponibile di serie con la cover monoposto per il sellino del passeggero e le calotte per gli specchietti carbon look.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.