Volvo allarga il Registro Italiano alle vetture non d’epoca

Volvo ha di recente rivoluzionato il proprio approccio al mercato automotive e di conseguenza la propria impostazione aziendale per rispondere al meglio alle nuove sfide che il futuro prospetta in termini di mobilità. In tale trasformazione, anche le attività legate al concetto di Heritage acquisiscono un più preciso significato in termini di customer experience. In base alla nuova interpretazione, il contesto Heritage si afferma una volta di più, e nel senso più compiuto del termine, come fonte di autenticità di ciò che è oggi Volvo.

Da qui la decisione di non limitare l’iscrizione al Registro solo ai possessori di vetture d’epoca – come accaduto fino a oggi – bensì di allargare la possibilità di adesione anche a clienti Volvo proprietari di modelli recenti. Un modo tangibile di stabilire il collegamento, senza soluzione di continuità, fra l’esperienza e la modernità, mostrando al tempo stesso come l’esperienza di chi ha scelto Volvo abbia tratti comuni, indipendentemente dalle epoche, che sottolineano i valori basilari del DNA del marchio, che è rimasto fedele a sé stesso pur nelle inevitabili evoluzioni avvenute nel tempo.

Per l’occasione, il Registro Italiano Volvo ha parzialmente rinnovato il proprio organigramma organizzativo con lo scopo di portare avanti un programma di miglioramento e per potersi occupare al meglio delle esigenze dei soci. Nel segno della continuità, sono peraltro confermati Michele Crisci, Presidente Volvo Car Italia, nel ruolo di Presidente del Registro e Gianluca Fabbri nel ruolo di Coordinatore e Commissario Tecnico ASI.

In chiave di valorizzazione del patrimonio espresso da Registro Italiano Volvo va segnalata la nuova sezione Heritage News nell’ambito del sito www.volvocars.com/it pensata per raccontare storie di auto e di persone da portare come esempio di cosa significhi essere ‘volvista’, ieri come oggi. La redazione di Heritage News è stata affidata a Marco Visani, esperto giornalista specializzato nel mondo dell’auto in prospettiva Heritage. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.