La nuova Qashqai sta arrivando e strizza l’occhio al piacere di guida.

In arrivo la terza generazione della vettura che nel 2007 ha inventato il segmento forse oggi più richiesto: quello dei crossover di segmento C, altrimenti conosciuti anche come C-SUV.

I prototipi del nuovo modello stanno completando i test di guida e si potrà vedere la vettura in concessionaria nel 2021. Alla base del nuovo modello c’è la piattaforma CMF-C per la quale è stato utilizzato un materiale più leggero e adottate tecniche di stampaggio e saldatura che aumentano la robustezza e riducono il peso.

Riduzione di peso e sterzo rinnovato

La quota di acciaio ad altissima resistenza UHSS (Ultra High Strength Steel) è aumentata del 50% nella struttura del nuovo Qashqai, per offrire massima resistenza alla trazione, senza gravare sul peso. Gli acciai ad alta resistenza sono difficili da saldare e unire alle altre parti della struttura, per ovviare a ciò la scocca di Qashqai si avvale di un assemblaggio strutturale ultrarinforzato dove i montanti A, B e C s’innestano nel tetto e nel pianale.

Porte anteriori e posteriori, parafanghi anteriori e cofano sono ora interamente realizzati in alluminio, cosa che permette di risparmiare 21 kg di peso. Per la prima volta, il portellone posteriore di Qashqai è realizzato con un materiale composito che lo alleggerisce di 2,6 kg. Tutte queste scelte progettuali e realizzative si traducono in una scocca più leggera di 60 kg e più rigida del 41% rispetto a quella attuale, che vuol dire estremo comfort e maneggevolezza, sicurezza ed efficienza globale dell’auto, caratteristiche tipiche delle vetture dei segmenti superiori.

La nuova piattaforma CMF-C, grazie all’elevata rigidità torsionale, consente un posizionamento ed una taratura delle sospensioni più votata al miglioramento del comfort, garantendo una marcia più silenziosa e composta su ogni superficie ma al tempo stesso una maggiore reattività in fase di sterzata.

Via il ponte rigido e, come nella prima serie, le sospensioni tornano ad essere indipendenti sulle quattro ruote; McPherson per le versioni 2wd o multi-link per i modelli con cerchi da 20” e tutte le versioni a trazione integrale.

Decisivo per la qualità di marcia è stato il riallineamento verticale degli ammortizzatori, che consente ai componenti di operare a un’estensione di corsa ottimale, massimizzando l’efficacia in risposta alle asperità della strada e riducendo al minimo il ritorno spontaneo. Il risultato è una marcia equilibrata e composta, con un notevole smorzamento del rollio in curva.

Le sospensioni posteriori multi-link realizzano il connubio perfetto tra comfort di marcia e risposta dinamica. Sono ancorate al telaio ausiliario con una configurazione che riduce la rumorosità e le vibrazioni trasmesse dalla strada.

Lo sterzo è stato ulteriormente perfezionato e offre una migliore reattività, zona morta più ridotta e un minore attrito.

David Moss, Region Senior Vice President Research and Development AMIEO ha commentato: “Il nostro team di ingegneri ha esaminato un campione di berline di segmento C e alcuni diretti concorrenti e, dopo migliaia di chilometri di test sulle strade e le piste di tutta Europa, ha trovato il punto di equilibrio tra manovrabilità e comfort di marcia, dove il piacere di guida è al cuore dell’esperienza”.

Motorizzazioni efficienti

Il nuovo Qashqai offre ai propri clienti una gamma completamente elettrificata, in linea con la più ampia strategia di Nissan. Due le opzioni disponibili: un benzina da 1,3 litri con tecnologia mild hybrid da 12 V e l’innovativo ed esclusivo sistema e-POWER, caratterizzato da accelerazione istantanea e brillante tipica degli EV, ma senza limiti di autonomia.

Altri esempi dello sforzo ingegneristico finalizzato all’efficienza sono il pianale piatto, che migliora l’aerodinamica del sottoscocca, e la chiusura automatica della griglia frontale, che rimane chiusa per un migliore flusso aerodinamico anteriore e si apre solo quando è necessario raffreddare il radiatore consentendo l’ingresso di aria addizionale.

e-POWER

Il nuovo Qashqai rappresenterà il meglio dello spirito innovativo di Nissan, che noi chiamiamo “Nissan La caratteristica peculiare del sistema e-POWER è che le ruote della vettura sono mosse esclusivamente dal motore elettrico e il motore a benzina serve solo per azionare il generatore e produrre energia elettrica. Il motore a benzina lavora sempre a un numero di giri ottimale per garantire massima efficienza e minimo rumore, ovvero bassi consumi e massimo comfort.

Le dimensioni del motore elettrico sono quelle tipiche di un EV, capace di offrire accelerazione istantanea e brillante, ma a differenza di un EV puro riceve energia sia dalla batteria che dal generatore mosso dal motore termico. Inoltre, a differenza di un EV, l’e-POWER non ha bisogno di ricarica esterna in quanto il generatore è a bordo.

Questa architettura rappresenta la transizione ideale verso la mobilità elettrica, soprattutto per chi percorre molti chilometri e troverà un perfetto equilibrio tra piacere di guida, economia dei consumi, efficienza e rispetto per l’ambiente.

Nuovo ProPILOT e fari Full LED

ProPILOT con Navi-link può regolare accelerazione e frenata nella singola corsia quando si viaggia in autostrada. In situazioni di traffico, può rallentare la vettura fino a fermarla e può farla ripartire automaticamente (se l’arresto dura meno di 3 secondi) quando le vetture di fronte riprendono a muoversi.

Le informazioni dallo sterzo e dalla telecamera aggiornano costantemente la posizione del veicolo, aiutando la vettura a rimanere al centro della corsia, mantenendo la velocità preimpostata, ma sempre con la capacità di garantire la distanza di sicurezza dal veicolo che precede.

Il nuovo ProPILOT di Qashqai è ora in grado di adattare la velocità del veicolo in base a un’aggiornata serie di circostanze esterne. Ad esempio, quando si viaggia in tratti autostradali con limiti di velocità più bassi, il sistema è in grado di leggere i segnali stradali e tenendo conto della velocità impostata dal navigatore può rallentare la vettura per rispettare il limiti in quel tratto, tutto senza che il guidatore debba regolare manualmente le impostazioni del navigatore.

Il sistema, inoltre, acquisisce i dati dal navigatore ed è in grado di regolare la velocità nelle curve o sulle rampe delle uscita autostradali.

Ma non è tutto. ProPILOT con Navi-link può comunicare con i sensori radar di Qashqai che controllano gli angoli ciechi e può intervenire sullo sterzo per aiutare a prevenire il cambio di corsia se è presente un altro veicolo nella zona di angolo cieco.

ProPILOT con Navi-link sarà disponibile a partire dall’allestimento N-Connecta, il più diffuso, per permettere alla maggioranza dei clienti Qashqai di usufruire di questa tecnologia.

Fari LED adattivi

Dal 2014, le versioni top di gamma di Qashqai sono equipaggiate con fari LED, che sulla variante Tekna sono anche orientabili in risposta agli input dello sterzo e che adattano la forma del fascio luminoso in base alle condizioni stradali e alla presenza di altri utenti. Il fascio è diviso in 12 elementi singoli che si disattivano in modo selettivo se viene rilevato un veicolo in avvicinamento dalla direzione opposta.

L’inventore del crossover

Nel 2007 non c’era nulla di simile. L’idea di proporre la guida rialzata di un SUV con le dimensioni, i costi di gestione e l’impronta a terra di una berlina di segmento C fu coraggiosa ma vincente. Dopo qualche mese dall’inizio della produzione la fabbrica Nissan di Sunderland, in UK, dovette aggiungere un altro turno di lavoro per far fronte alla domanda.

Il restyling del 2020 ne ridisegnò le linee esterne, in particolare sull’anteriore, in considerazione del fatto che un’ampia fetta dei clienti di Qashqai proveniva da segmenti superiori. Alla seconda generazione di Qashqai nel 2014, 17 diretti competitor avevano seguito le orme di Nissan lanciando sul mercato i propri crossover. I dati attuali parlano di oltre 3 milioni di Qashqai venduti in Europa e oltre 5 milioni in tutto il mondo. Oggi esistono 26 veicoli diretti concorrenti dell’attuale Qashqai.

Un pensiero su “La nuova Qashqai sta arrivando e strizza l’occhio al piacere di guida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.