Una ammiraglia Lancia su base DS9 è una buona idea?

E se arrivasse una nuova ammiraglia Lancia voi come la vedreste? La recente fusione tra FCA e PSA ha scatenato qualche ipotesi più o meno realistica. Una di queste vede come protagonista un’ammiraglia Lancia pronta a ripercorrere la strada di Thema e Thesis. Concretamente tutto ciò che stiamo per scrivere è frutto di fantasie e ipotesi di difficile realizzazione. Ma nell’ottica del “sognare non costa” continuiamo a fantasticare.

ammiraglia lancia

Alfa Romeo e Lancia continuano a far discutere. Se per Alfa è abbastanza normale considerando che ancora ha delle auto in listino, per Lancia questa è una novità assoluta. Le indimenticate “elegantone” italiane rievocano ricordi nei più anziani, affezionati al prestigio del marchio, ma anche nei più giovani cresciuti con il mito delle Delta Integrale. L’idea di una ammiraglia Lancia o Alfa Romeo ci è venuta osservando la DS9, la nuova ammiraglia made in France di cui vi abbiamo già parlato.

Una ammiraglia Lancia dal DNA francese

DS9

La sua imponenza in termini di dimensioni e la sua eleganza negli interni ci ha fatto subito pensare al marchio ormai decrepito di FCA. Nell’ottica di un possibile rilancio un’ammiraglia da tempo mancante nei listini italiani (Maserati esclusa) potrebbe giocare un ruolo  chiave in termini di immagine. Ipotizzare un suv Lancia è più probabile, tuttavia ciò snaturerebbe il significato storico del marchio proiettandolo in una nuova (a nostro avviso) spirale discendente. Un’ammiraglia Lancia potrebbe raccogliere eredità importanti e tecnologie moderne. La DS9 infatti ha un pianale di ultima generazione perfettamente idoneo all’adozione di tecnologie ibride e trazione integrale.

ammiraglia lancia
Concept di Lancia Thema by Andrea Bonamore

Anche le linee della DS non sono poi così distanti dall’eleganza italiana e ciò significa che l’investimento potrebbe essere più contenuto del previsto. Tuttavia parliamo comunque di un’operazione di rebadging con tutti i rischi che ne derivano e le incognite che sorgono. Una su tutte: quanti sono disposti a comprare al posto di una Audi A6 “sedan” o di una Serie 5 una DS9? Probabilmente pochi, perché i 60 mila euro necessari sono una cifra importante. Allo stesso modo potremmo formulare la domande sostituendo DS9 con Lancia Thema/Thesis scoprendo a mio avviso che il risultato non cambierebbe.

Tempo fa avevamo analizzato la situazione su Youtube e quanto pare…

Parlando qualche tempo fa su YouTube di Lancia (qui YouTube , qui articolo) abbiamo scoperto che il marchio all’estero è praticamente sconosciuto. Sia ben chiaro, esistono degli estimatori ma sono pochi, e non sarebbero disposti a comprare una DS “ricarrozzata”. Ciò che manca davvero al mondo Lancia è una purosangue come quelle del passato. Continuiamo a sperare da anni in un rilancio del marchio e consci delle limitate capacità economiche del gruppo FCA lo facciamo ipotizzando “alleanze” con altri marchi.

Chrysler 300c
Chrysler 300C, la sorellona della Thema

PSA è l’ultimo tentativo (dopo Chrysler) di dare nuova vita alla Lancia, ma in virtù di quanto detto prima ciò potrebbe rivelarsi un fallimento completo. È impossibile inoltre pensare che dal nulla sorga qualcosa di nuovo, magari di esclusivo, capace di far risorgere la fenice dalle ceneri. Per capirlo basta dare un’occhiata a ciò che è successo con Alfa Romeo negli ultimi anni. Inseguire il mercato e il successo in nome di un imminente rilancio sta solo ritardando la rinascita del marchio, che di fatto fa registrare numeri molto limitati nonostante la paternità dei progetti.

La storia insegna che la Lancia made in Usa non ha convinto

lancia Flavia
Lancia Flavia Cabrio su base Chrysler

Insomma un discorso molto complicato e di difficile interpretazione perché forse ormai è troppo tardi per sperare in qualcosa di diverso dal fallimento. Una ammiraglia Lancia rimane comunque un sogno, una possibilità, una speranza. Ragionando solo con il cuore questa soluzione sarebbe migliore di qualsiasi suv rimarchiato e commercializzato. Sarebbe superiore a qualsiasi Ypsilon pur longeva e combattiva che sia. Sarebbe un ritorno alle origini di un marchio all’avanguardia come pochi. Però nel mondo di oggi il cuore conta poco e la testa dice che purtroppo nulla di tutto ciò troverà riscontro nelle future politiche commerciali del maxi gruppo FCA-PSA.

Ermanno Ceccherini

Quando è tempo di presentazioni sono sempre un po’ perplesso. Presentarsi può essere una banalità, una prassi semplice e quasi automatica se la si fa istintivamente e senza troppi pensieri. Pensate a quando vi presentate con qualcuno e 10 secondi dopo nessuno dei due ricorda il nome dell’altro. Ma se la presentazione ha un significato più profondo e fa parte di una relazione che si spera essere poi duratura, allora le difficoltà salgono. Ed è questo il caso. Ma va fatta, e allora... Mi presento. Il mio nome è Ermanno è la prima cosa da sapere su di me è che ho un’insaziabile fame... di motori. Ricordo nitidamente il momento in cui questa mia passione è sbocciata. Ero lì, avevo poco meno di 3 anni, e le gambe di mio padre erano il collegamento tra me e una sgargiante Fiat Coupè 16v Turbo. Tenevo con forza lo sterzo tra le mani ed ero affascinato da quel mondo tanto vicino quando misterioso. Qualche anno dopo mi ritrovavo in sella alla mia prima motocicletta, una pitbike, di quelle che si mettono in mano ai ragazzini, e io, poco più che poppante mi troviamo nuovamente difronte a un amore incondizionato per qualcosa che non conoscevo. Sono bastati pochi metri per capire che anche il mondo delle due ruote faceva parte di me; altrettanti per rendermi conto che l’asfalto ha una consistenza tale da non lasciare scampo alla pelle. Primo giorno, prima caduta, primi incoraggiamenti da chi oggi mi guarda da lassù a risalire in sella. E così ho fatto. Da allora non ho più assaggiato l’asfalto, ma continuo ad assaporare il vento in faccia e quel senso di libertà che solo le due ruote sanno darmi. Una decina di anni dopo sono arrivati i 18. Li aspettavo con ansia ma solo perché sapevo che con loro sarebbe arrivata la patente. Tra le mani una MiTo con così pochi cavalli da far sembrare la Coupè una supercar, eppure la legge non mi permetteva di guidare altro. Gli anni passano, e oggi, che ne ho 26, di auto e moto ne ho viste e provate parecchie. Ho sviluppato nel tempo uno strano senso critico. E per critico non intendo tanto la capacità di giudicare quanto piuttosto una ingombrante vena polemica che spesso mi spinge a gettare fango sulle auto moderne. Sarà forse perché tra le mani ho sempre qualche intrigante youngtimer? Chissà, questa è un’altra storia. Questa è una parte di me, tanto altro lo leggerete nei vari articoli. Benvenuti su Piedi Pesanti !

2 pensieri riguardo “Una ammiraglia Lancia su base DS9 è una buona idea?

  • Maggio 7, 2020 in 8:20 pm
    Permalink

    Strano epilogo della presentazione per un pivello di soli 26 anni… di solito le yountimer piacciono a noi vecchi perché le abbiamo vissute come auto della nostra gioventù ed allora ci piacciono per il solo fatto che “ai miei tempi …quelle si che erano auto”. Ma se piacciono pure a te che non le hai vissute e guidate a suo tempo… forse davvero sono migliori e non solo pippe mentali degli ultra quarantenni.,

    Rispondi
    • Maggio 8, 2020 in 11:51 am
      Permalink

      Caro Sandro ti leggiamo e commentiamo sempre con piacere, grazie per la fiducia. Leggendo il tuo messaggio mi stavo quasi offendendo per il pivello, salvo poi leggere il resto del messaggio e capirne il significato “affettuoso” (PS: sull’essermi offeso naturalmente scherzo). Detto ciò è vero, sono “giovane” e non ho avuto la fortuna di godere a pieno di quegli anni così significativi per quelle che ora chiamiamo youngtimer. Ho però avuto la fortuna di avere un padre molto appassionato che fin da piccolo ci teneva a farmi conoscere le auto che hanno cambiato la storia italiana e fatto dell’automobilismo un vanto tricolore. Forse proprio questa vicinanza che ho da sempre verso le auto del passato mi spinge ad apprezzarle più di molte moderne. Ho avuto l’onore di guidarne parecchie negli ultimi anni, e sono convinto che abbiamo un fattore chiave assente nelle auto dei giorni nostri: l’intimità. Con queste anziane si instaura un rapporto di rispetto intimo e profondo. Mi verrebbe da dire:”O mi conosci o ti schianti, non ci sono mezze misure”. Viviamo con le anziane un rapporto più umano e profondo di quello troppo digitale e “androide” che viviamo con le auto attuali. Non sono ancora quarantenne, ma posso giurarti che le “vostre” sono tutt’altro che pippe mentali. Grazie ancora e scusa per la lunghezza. A presto, Ermanno

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.