Militem Magnum: la supercar vestita da pickup

Strade ottocentesche strette, selciato di pietra, rotaie dei tram. Un truck da tre tonnellate e mezza, rifinito come uno yacht ed apparentemente troppo ingombrante, un motore V8 da cinque litri e sette. Contrasti all’apparenza netti, abbacinanti. Questo è stato il mio primo pensiero quando Andrea Cavarzan, dopo avermi raccontato la genesi del Militem Magnum con la solita passione contagiosa, augurandomi buon divertimento mi passa le chiavi di questo gioiello alto mezzo metro più del sottoscritto.

Sono sincero, sulle prime le dimensioni “differenti” intimoriscono ma l’emozione di poter avere per qualche giorno a disposizione tanta esuberanza meccanica prende il sopravvento ed appena salgo nell’enorme abitacolo impreziosito dai 30 metri quadri di pelle pieno fiore sapientemente plasmati dai maestri tappezzieri di Militem dimentico di essere a bordo di una portaerei personale.

“L’emozione scorre a fiumi e la pelle d’oca è garantita: con questa colonna sonora epica scandita dai decisi cambi marcia, il Militem Magnum da tre tonnellate e mezza passa da zero a cento in meno di sette secondi.”

Cullato dai gorgoglii del V8 e rassicurato dalle telecamere a 360 gradi ad alta risoluzione del sistema infotainment da 12 pollici, le Perplessità per le dimensioni, dopo i primi metri cominciano a ridursi e la manovrabilità negli spazi stretti tra i bugnati eleganti del centro di Milano, una volta fatta l’abitudine è quella di una grande station wagon. Contrasto numero uno.

I 3500 kg del Magnum spariscono all’ombra della forza dell’otto cilindri HEMI che eroga 401 cavalli e 556 nm di coppia e che spinge il Magnum senza sforzo borbottando quasi sempre intorno ai 1000 giri al minuto. Appena con il pedale dell’acceleratore gli si chiede di più, il cambio automatico ad 8 rapporti scala prontamente due o tre marce, il contagiri schizza oltre i 5000 e dal doppio scarico Black Performance esce quell’urlo di battaglia del V8 HEMI che sa di America quanto il Grand Canyon. L’emozione scorre a fiumi e la pelle d’oca è garantita: con questa colonna sonora epica scandita dai decisi cambi marcia, il Militem Magnum da tre tonnellate e mezza passa da zero a cento in meno di sette secondi. Prestazioni che rimangono invariate anche quando alimentato a GPL (l’esemplare in prova è Bifuel benzina e GPL con impianto Prins) Contrasto numero due.

Dopo aver provato quanto reattiva fosse la “piccola” di casa Militem, la Hero, avevamo rimesso in discussione i nostri preconcetti sulla manovrabilità dei SUV ma da un truck grande come un monolocale in Liguria non ci aspettavamo un simile miracolo. Anche qui, però, gli ingegneri della casa italiana hanno rivisto completamente l’assetto del RAM 1500 aggiungendo due sospensioni al posteriore per stabilizzarlo e con il sistema pneumatico (regolabile dall’abitacolo anche in marcia in 5 diverse modalità) Militem Extreme Performance Shock, un mezzo al limite della patente C diventa reattivo come un crossover che pesa tre volte meno, seguendo senza ritardi o rollii eccessivi il comando di uno sterzo dal peso ben calibrato e dal rapporto di 17.9:1 (specifiche FCA USA), rendendo i cambi di corsia in autostrada sicuri e rapidi. Doti telaistiche che, abbinate alla modalità 2WD con la trazione solo posteriore, rendono tra le curve il Magnum persino molto divertente, con una tendenza naturale al sovrasterzo che, disattivando i controlli, sulla strada umida sfocia nella totale esperienza del traverso. Sì, avete letto bene: il traverso su un pick-up di lusso da sei metri. Si può fare! Contrasto numero tre.

Parlare della trazione è indispensabile su un mezzo che deve poter arrivare dappertutto e trainare qualsiasi cosa. Sul Militem Magnum la potenza bruta dell’emisferico V8 può essere messa a terra in quattro modalità. 2WD, solo posteriore, 4WD AUTO che funziona come una normale AWD trasferendo la coppia all’asse anteriore al bisogno, 4WD HIGH che lo rende una integrale permanente (con questa modalità la trazione è massima e lo 0-100 ci si scrolla di dosso in circa 6,5 secondi) e 4WD LOW che, funzionando come le marce ridotte, scarica tutta la coppia alle basse velocità. Caratteristica che, unita agli angoli di attacco di 23,1°, di uscita di 27,1 e di dosso di 28, tira fuori il Magnum da qualsiasi fosso, neve o pantano possa incontrare sulla sua strada.

La capacità di traino di 3500 kg è altrettanto impressionante così come il vano di carico da quasi 4 metri quadri che Militem ha totalmente rivestito in velluto e coperto con un hard top in vetro resina (a richiesta può diventare in fibra di carbonio così come lo sono la calandra e i parafanghi Extra Tire Coverage) che si apre automaticamente sia dal tasto sul portellone di carico, sia dalla chiave, caratteristica anche questa sviluppata in casa da Militem.

Tutto ciò lo si vive comodamente seduti in un abitacolo spazioso come quello di un SUV full size americano, illuminato dal gigantesco tetto panoramico apribile e rifinito con il gusto e la raffinatezza italiana da Militem in 14 combinazioni di colori possibili di pelle pregiata ed Alcantara. Gli aiuti non mancano, il pacchetto ADAS comprende sistema anti collisione, sistema di mantenimento della carreggiata, frenata assistita con segnalazione di pericolo, sistema di ausilio al parcheggio in parallelo e in perpendicolare, sistema di monitoraggio dell’angolo cieco, cruise control di tipo adattivo, telecamera con visione a 360°, sensori di parcheggio anteriori e posteriori, telecamera posteriore.

Il Militem Magnum può essere dotato del sistema di propulsione elettrica mild-hybrid eTorque Engine da 48V, sistema ibrido che interviene nelle fasi di accelerazione, garantendo coppia supplementare per 176 Nm e riducendo i consumi del 10%.

“La gente a passeggio in un atmosfera pre-natalizia da zona arancione lo osservava e fotografava commentando con ammirazione.”

Il prezzo di questa supercar vestita da pickup parte da 88.880,00 Euro, IVA, IPT e messa in strada escluse. Come ogni prodotto Militem anche il Magnum è coperto da una garanzia europea completa di 36 mesi o 100.000 km (in base all’evenienza che si verifica prima) estendibile a 72 mesi e km illimitati. Yes We Help è l’innovativo sistema di assistenza remota che permette di viaggiare in tutta sicurezza in tutta Europa. Il sistema di assistenza remota è gratuito per i primi 12 mesi.

Girare per Milano con il Militem Magnum è stata un’esperienza nel vero senso della parola. Nel fine settimana il centro della metropoli meneghina si riempie normalmente di supercar ed auto particolari ma andarci con questo Yacht a quattro ruote mi ha fatto capire di essere a bordo di qualcosa di davvero speciale. La gente a passeggio in un atmosfera pre-natalizia da zona arancione lo osservava e fotografava commentando con ammirazione. Quasi tutti i bimbi volevano vederlo da vicino, le teste di tantissimi si giravano per leggere il marchio sulla calandra mentre alcuni si facevano la foto accanto per rendere meglio l’idea di quanto fosse grande. E quando si parla di Militem Magnum la parola Grande serve davvero, in tutti sensi. Grande motore, grande abitacolo e grande capacità di carico. Grande l’orgoglio di Piedi Pesanti per averlo avuto in prova e grande mezzo. Grande perché così deve essere per contenere tutta la passione di chi lo guiderà e tutta quella che gli uomini di Militem trasmettono con le loro macchine speciali.

Luca Santarelli

Sono Luca, Piede Pesante degli anni ’80. Da bambino volevo fare il ferroviere, il "guidatore" o il pilota di F14. Mi piace tutto quello che ha un motore e fa rumore (anche le bici però) tanto che, di usare cose a motore rumorose, alla fine ne ho fatto una professione. Mi piace anche viaggiare e fare le foto, sono qua anche per questo. Non mi piacciono il sottosterzo, gli scarichi finti e soprattutto quando arrivi al Bar per fare colazione e sono finiti i cornetti! Benvenuti su Piedi Pesanti.

4 pensieri riguardo “Militem Magnum: la supercar vestita da pickup

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.